Disdetta Canone RAI online 2019 in bolletta: come disdire l'abbonamento TV e come non pagarlo legalmente inviando la dichiarazione sostitutiva di esenzione canone rai alla Agenzia delle Entrate

 

Disdetta Canone RAI ad uso privato


NON HAI FATTO IN TEMPO AD INVIARE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA CANONE RAI ENTRO IL 30 GIUGNO 2018?

 

NON PREOCCUPARTI, ORA HAI TEMPO FINO ALLE ORE 24.00 DEL 31 GENNAIO 2019 PER INVIARE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA ESENZIONE CANONE RAI ALLA AGENZIA DELLE ENTRATE ED EVITARE L'ADDEBITO DEL CANONE RAI NELLA FATTURA DELL'ENERGIA ELETTRICA PER L'INTERO ANNO 2019.

 

COME SPEDIRE LA DISDETTA CANONE RAI 2019 PER NON PAGARLO IN BOLLETTA CON IL MODELLO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ESENZIONE CANONE RAI DIRETTAMENTE ONLINE CON IL SERVIZIO DISDETTA CERTA®?

Paga con carta di credito anche prepagata, Paypal o Bitcoin

 

QUANTO COSTA INVIARE IL MODULO ESENZIONE CANONE RAI ALLA AGENZIA DELLE ENTRATE PER RICHIEDERE NON PAGARE IL CANONE IN BOLLETTA PER L'ANNO 2019 CON UNA RACCOMANDATA SENZA BUSTA®?

Tramite il nostro servizio online viene spedito in forma cartacea il modello di dichiarazione sostitutiva relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta (come espressamente richiesto dalla Agenzia delle Entrate), alle seguenti condizioni economiche:

solo
€ 10,92
Raccomandata
AR
Consegna prevista
in 3-5 giorni lavorativi
solo
€ 14,61
Raccomandata
1 A/R
Consegna prevista
in 1-3 giorni lavorativi

Trattasi di un Plico Raccomandato Senza Busta rivoluzionario inventato e creato da LetteraSenzaBusta (disponibile anche nella sezione Raccomandata Senza Busta); con questo sistema vengono spedite 3 facciate di un foglio a4, in un unico corpo, naturalmente senza l'utilizzo della busta e il destinatario non corre il rischio di smarrire alcun foglio.

 

CANONE RAI 2019: LA NORMATIVA

Canone RAI 2019 in bolletta della luce: il 22 Dicembre 2015 il Senato ha approvato la Legge di Stabilità 2016 e il Canone RAI ordinario del nuovo importo di Euro 90, si pagherà in dieci rate mensili tra Gennaio e Ottobre, addebitate nella fattura della bolletta dell'energia elettrica.
Resta invece invariato il Canone RAI Speciale riservato alle attività commerciali.

Il Canone RAI ordinario è dovuto da chiunque detenga un apparecchio atto od adattabile alla ricezione delle trasmissioni televisive e la detenzione dell'apparecchio televisivo si presume nel caso in cui esista una utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui un soggetto ha la sua residenza anagrafica.

Il canone di abbonamento RAI è in ogni caso dovuto una sola volta in relazione agli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora, dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica, come individuata dall'art 4 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica del 30 Maggio 1989, n.223 e non è più possibile la cessazione del Canone RAI per suggellamento del televisore.

 

CHI NON DEVE PAGARE IL CANONE ABBONAMENTO RAI IN BOLLETTA?

Sono esentati dal pagamento dell'abbonamento TV in bolletta elettrica i seguenti soggetti:

I soggetti di età pari o superiore a 75 anni con un reddito annuale inferiore a euro 6.713,98 come specificato nella circolare n. 46/E del 20 settembre 2010: per gli anni dal 2016 al 2018, una quota delle eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento alla televisione rispetto alle somme già iscritte a tale titolo nel bilancio di previsione per lanno 2016 è destinata allampliamento sino ad euro 8.000 annui della soglia reddituale per lesenzione a favore dei soggetti di età pari o superiore a 75 anni. Le modalità di fruizione dellesenzione saranno stabilite con decreto del Ministro dellEconomia e delle Finanze, di concerto con il Ministro dello Sviluppo Economico.

Possessori di seconda casa, in quanto pagheranno il Canone RAI nella bolletta dell'energia elettrica della prima casa; il canone RAI infatti è dovuto una sola volta per tutti gli apparecchi detenuti nei luoghi adibiti a propria residenza o dimora dallo stesso soggetto e dai soggetti appartenenti alla stessa famiglia anagrafica.

Militari delle forze armate italiane: lesenzione è prevista solo per Ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate. La detenzione del televisore allinterno di un alloggio privato,anche se situato dentro le strutture militari, non esonera dal pagamento del canone.

Agenti diplomatici e consolari: gli agenti diplomatici e consolari stranieri accreditati in Italia sono esonerati dall'obbligo di corrispondere il canone tv a condizione che nel paese da loro rappresentato i nostri rappresentanti diplomatici ivi accreditati godano di uguale trattamento.

Rivenditori e riparatori TV: a seguito della risoluzione della Direzione Centrale Normativa e Contenzioso dell'Agenzia delle Entrate n. 2003/79447 del 29 luglio 2003, sono esonerate dal pagamento del canone le imprese che esercitano l'attività' di riparazione o commercializzazione di apparecchiature di ricezione radio televisiva.

Per ulteriori approfondite informazioni e quesiti vari, clicca qui

 

COME NON PAGARE LEGALMENTE IL CANONE RAI?

L'Agenzia delle Entrate ha approvato il modello di dichiarazione sostitutiva, da rendere ai sensi dell’articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato, mediante il quale, esclusivamente il titolare di utenza per la fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale, consapevole delle conseguenze anche penali previste dagli articoli 75 e 76 del medesimo decreto, presenta alternativamente:

A) Una dichiarazione sostitutiva di non detenzione di un apparecchio televisivo da parte di alcun componente della famiglia anagrafica in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica

B) Una dichiarazione sostitutiva di non detenzione, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica, di un ulteriore apparecchio televisivo rispetto a quello per cui è stata presentata entro il 31 dicembre 2015 una denunzia di cessazione dell’abbonamento radio-televisivo per suggellamento

C) Una dichiarazione sostitutiva che il canone di abbonamento alla televisione per uso privato non deve essere addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante in quanto il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica, di cui il dichiarante comunica il codice fiscale

D) Una dichiarazione sostitutiva per il venir meno dei presupposti di una dichiarazione sostitutiva di cui alle lettere a), b) e c) precedentemente resa.

La dichiarazione sostitutiva può essere resa dall’erede in relazione all’utenza elettrica intestata transitoriamente ad un soggetto deceduto.

Tale dichiarazione sostitutiva di atto notorio espone a responsabilità penale in caso di mendacio (falsità o travisamento della verità) ed è valida per l'anno in cui è presentata e perde efficacia alla fine dei suddetto periodo di validità; ne consegue che, se non viene reiterata, torna ad operare la presunzione di detenzione, con conseguente addebito nella fattura elettrica.

 

QUANDO VA PRESENTATA LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA CANONE RAI 2019 DI NON POSSESSO TV?

L'Agenzia delle Entrate con il provvedimento n°45059 del 24 Febbraio 2016 ha stabilito quanto segue:

DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE ESENZIONE CANONE RAI RELATIVE AGLI ANNI 2017 E SUCCESSIVI
A decorrere dalle dichiarazioni relative all’anno 2017, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione per avere effetto a partire dal 1° gennaio di un dato anno di riferimento deve essere presentata a partire dal 1° luglio dell’anno precedente ed entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento stesso.
Ad esempio, per avere effetto per l’intero canone dovuto per il 2018, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione deve essere presentata dal 1° luglio 2017 al 31 gennaio 2018.
La dichiarazione sostitutiva di non detenzione presentata dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno di un dato anno di riferimento ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio-dicembre del medesimo anno. Ad esempio, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione presentata dal 1° febbraio 2018 al 30 giugno 2018 ha effetto per il semestre luglio-dicembre 2018.
 

 

Nel caso di attivazione di nuova utenza di fornitura di energia elettrica residenziale da parte di soggetti che non siano già titolari di altra utenza residenziale nell'anno di attivazione, la dichiarazione sostitutiva di non detenzione va presentata entro la fine del mese successivo alla data di attivazione della fornitura per avere effetto a decorrere dalla data di attivazione della fornitura stessa e fino al 31 dicembre del medesimo anno


N.B: Se hai pagato il canone RAI 2016, 2017 e 2018 in bolletta e ritieni che non sia dovuto causa un errore,
CLICCA QUI per inviare il modulo di RIMBORSO CANONE RAI approvato dalla Agenzia Delle Entrate.


Si ricorda che la dichiarazione di non detenzione ha validità annuale e va presentata per ogni anno in cui permane la condizione di non detenzione di alcun apparecchio TV, entro i termini in precedenza indicati. La dichiarazione va presentata annualmente anche dai soggetti che hanno presentato denuncia di cessazione dell’abbonamento, anche per suggellamento.

La “Dichiarazione di variazione dei presupposti”, che comporta l’addebito del canone, ha effetto dal mese in cui è presentata.

 

QUALI SONO I VANTAGGI DI INVIARE ONLINE LA DISDETTA DEL CANONE RAI IN BOLLETTA DELLA LUCE CON UNA RACCOMANDATA SENZA BUSTA®?

TUTTO ONLINE IN POCHI MINUTI senza muoversi dal proprio pc o tablet (compresa la firma) e senza dover andare a fare la fila all'ufficio postale
VIENE SPEDITO UN PLICO RACCOMANDATO SENZA BUSTA avente unico corpo come espressamente richiesto dall'Agenzia delle Entrate
PIENO VALORE LEGALE in quanto il Plico Raccomandato Senza Busta spedito via posta è una copia conforme all'originale informatico creato online
METODO SICURO E INCONTESTABILE in quanto l'Agenzia delle Entrate non potrà mai contestare l'esenzione canone rai, affermando di aver ricevuto dei fogli bianchi o una busta vuota

 

MODULO ESENZIONE CANONE RAI 2019 PER CONTRIBUENTI CON UTENZA ELETTRICA PER USO DOMESTICO RESIDENZIALE PER NON POSSESSO TV, PER SECONDA CASA, PER SOGGETTI DEFUNTI E PER ANZIANI RICOVERATI IN CASA DI RIPOSO RSA

Il modello di Dichiarazione Sostitutiva approvato dalla Agenzia delle Entrate deve essere utilizzato esclusivamente dal titolare di utenza per la fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale e può essere resa dall'erede in relazione allutenza elettrica intestata transitoriamente ad un soggetto deceduto, consapevole delle conseguenze anche penali previste dagli articoli 75 e 76 del Decreto del Presidente della Repubblica del giorno 28 Dicembre 2000 n°445 nel caso di mendaci dichiarazioni, falsità negli atti, uso o esibizioni di atti falsi e dati non rispondenti a verità.

HAI TEMPO SOLO FINO ALLE ORE 24.00 DEL GIORNO 31 GENNAIO 2019 PER INVIARE LA DISDETTA DEL CANONE RAI
E NON PAGARE L'ABBONAMENTO RAI IN BOLLETTA PER L'INTERO ANNO 2019


PROCEDI SUBITO, NON ATTENDERE L'ULTIMO MINUTO!

PER QUALE MOTIVO DEVI DISDIRE IL CANONE RAI?