Come ottenere il rimborso canone rai online 2021

 

 

Rimborso Canone RAI: il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate

Il giorno 2 Agosto 2016 con il provvedimento Prot. n. 125604/2016, l'Agenzia delle Entrate ha definito le modalità di presentazione dell'istanza di rimborso del canone di abbonamento alla televisione per uso privato, pagato a seguito di addebito nelle fatture emesse dalle imprese elettriche, ma non dovuto e nello stesso tempo ha approvato il relativo modello da utilizzare per procedere con tale richiesta.

 

Chi può richiedere il rimborso del Canone RAI pagato per errore in bolletta?

Il rimborso Canone RAI può essere richiesto esclusivamente dal titolare di utenza elettrica o da un erede in relazione alle utenze elettriche intestate ad un soggetto deceduto, qualora ritenga di aver pagato indebitamente il Canone RAI addebitato nella fattura della fornitura di energia elettrica.

Nello specifico possono richiedere il rimborso Canone TV i seguenti soggetti:

 

Quando si può richiedere il rimborso del Canone di abbonamento TV?

La richiesta del rimborso del Canone RAI può essere richiesta subito dopo ad aver pagato l'importo del Canone RAI addebitato erroneamente nella fattura dell'energia elettrica.

 

Come, quando e da chi sarà effettuato il rimborso del Canone RAI pagato in bolletta per errore?

La verifica dei presupposti e la legittimità della richiesta di rimborso è effettuata dall’Agenzia delle Entrate e i rimborsi riconosciuti spettanti saranno effettuati dal fornitore di energia elettrica sottoforma di accredito sulla prima fattura utile o anche con altre modalità, sempre che lo stesso assicuri al contribuente l’effettivo rimborso della somma pagata per errore, entro 45 giorni dalla ricezione, da parte del medesimo fornitore di energia elettrica, delle informazioni utili all’effettuazione del rimborso, trasmesse dall’Agenzia delle Entrate secondo quanto disposto dall’articolo 6 del decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, 13 maggio 2016, n. 94.

 

Come richiedere il rimborso del Canone RAI pagato per errore?

  1. COMPILA ONLINE il modello di rimborso Canone RAI
  2. REGISTRATI GRATIS su LetteraSenzaBusta inserendo i dati richiesti
  3. INVIA LA RICHIESTA DI RIMBORSO CANONE RAI tramite una Raccomandata Senza Busta con ricevuta di ritorno
  4. EFFETTUA IL PAGAMENTO ONLINE richiesto tramite carta di credito anche prepagata

 

Quali sono i vantaggi di inviare online la richiesta di rimborso del Canone RAI con una Raccomandata Senza Busta?

  • TUTTO ONLINE IN POCHI MINUTI senza muoversi dal proprio pc o tablet (compresa la firma) e senza dover andare a fare la fila all'ufficio postale
  • PIENO VALORE LEGALE in quanto il Plico Raccomandato Senza Busta spedito via posta è una copia conforme all'originale informatico creato online
  • METODO SICURO E INCONTESTABILE in quanto l'Agenzia delle Entrate non potrà mai contestare la richiesta di rimborso Canone RAI, affermando di aver ricevuto dei fogli bianchi o una busta vuota

 

Quanto costa spedire online il modulo rimborso Canone RAI?

Tramite il nostro servizio online viene spedito in forma cartacea il modulo di rimborso del canone di abbonamento alla televisione per uso privato pagato mediante addebito nelle fatture per energia elettrica, a mezzo del servizio postale in plico raccomandato senza busta (come espressamente richiesto dalla Agenzia delle Entrate), alle seguenti condizioni economiche:

  • Euro 10,92 per spedire una Raccomandata AR Senza Busta (consegna prevista in 3-5 giorni lavorativi)

 

PROCEDI ORA CON LA RICHIESTA DI RIMBORSO DEL CANONE RAI

Modello richiesta rimborso Canone TV

Il modello di rimborso Canone TV approvato dalla Agenzia delle Entrate deve essere utilizzato esclusivamente dal titolare di utenza per la fornitura di energia elettrica, ad eccezione del caso in cui la richiesta di rimborso sia effettuata da un erede in relazione all’utenza elettrica intestata ad un soggetto deceduto e solo nel caso in cui il canone sia stato pagato indebitamente a seguito di addebito nella fattura per la fornitura di energia elettrica, compresi i casi in cui il canone RAI sia stato pagato due volte dallo stesso nucleo famigliare o pagato anche se è stata correttamente inviata la dichiarazione sostitutiva di non possesso TV.

N.B. è obbligatorio allegare un valido documento di riconoscimento

Come indicato nelle istruzioni di compilazione dell'Agenzia delle Entrate, vanno inseriti i dati del dichiarante e i dati del soggetto deceduto (solo se il rimborso è richiesto da un erede), i dati della richiesta del rimborso come ad esempio l'anno di imposta, il numero del POD e della fattura e l'importo per il quale si richiede il rimborso e nell’apposito spazio può essere inserita una sintetica descrizione del motivo per cui si richiede il rimborso del canone di abbonamento.

Inoltre, deve essere specificato il motivo della richiesta per il quale si richiede il rimborso del canone pagato a seguito di addebito nella fattura della fornitura di energia elettrica ma non dovuto, inserendo un codice numerico da 1 a 6:

  1. il richiedente o un altro componente della sua famiglia anagrafica è in possesso dei requisiti di esenzione di cui all’art. 1, comma 132, della legge n. 244/2007 (cittadino ultra 75enne con reddito complessivo familiare non superiore a 6.713,98 euro) ed è stata presentata l’apposita dichiarazione sostitutiva
  2. il richiedente o un altro componente della sua famiglia anagrafica è in possesso dei requisiti di esenzione per effetto di convenzioni internazionali (ad esempio, diplomatici e militari stranieri) ed è stata presentata l’apposita dichiarazione sostitutiva
  3. il richiedente ha pagato il canone mediante addebito sulle fatture per energia elettrica, e lui stesso o un altro componente della sua famiglia anagrafica ha pagato il canone anche con modalità diverse dall’addebito (ad esempio mediante addebito sulla pensione)
  4. il richiedente ha pagato il canone mediante addebito sulle fatture per energia elettrica e lo stesso canone è stato pagato anche mediante addebito sulle fatture relative a un’utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica: in questo caso si deve indicare il codice fiscale del familiare a cui è stato addebitato il canone e il periodo in cui sussistono i presupposti della richiesta.
  5. il richiedente ha presentato la dichiarazione sostitutiva di non detenzione di apparecchi televisivi da parte propria e dei componenti della sua famiglia anagrafica
  6. altri motivi diversi dai precedenti

 

CLICCA QUI per richiedere il rimborso Canone RAI pagato per errore in bolletta