Modulo rimborso biglietto treno TRENITALIA non usufruito causa Coronavirus

Il modulo richiesta rimborso biglietto Trenitalia non usufruito per Coronavisus a causa di forza maggiore, deve essere utilizzato da chi ha acquistato uno o più biglietti di viaggio con un treno Trenitalia e che a seguito del Decreto Legge n. 6 del 23 febbraio 2020, desidera richiede la risoluzione del contratto di acquisto del biglietto treno Trenitalia, con contestuale richiesta di rimborso dell'importo speso.

Trenitalia S.p.a. comunica che:

Sono stati prorogati i tempi per le richieste di rimborso per rinuncia al viaggio dei biglietti e che i viaggiatori possono ottenere il rimborso integrale per rinuncia al viaggio anche per biglietti acquistati dopo il giorno 23 Febbraio 2020, indipendentemente dalla tariffa, presentando la richiesta entro i termini indicati nelle disposizioni nazionali in materia e giustificando il mancato viaggio con uno dei seguenti motivi:

 Per i treni a media e lunga percorrenza, il rimborso integrale è in bonus utilizzabile entro un anno, mentre per i treni regionali, il rimborso integrale è in denaro. 

Queste misure si aggiungono a quelle già adottate, in via autonoma e per sensibilità sociale, da Trenitalia che ha garantito alla propria clientela il rimborso integrale, richiesto entro il 1 Marzo 2020, di qualsiasi tipologia di biglietti, anche di quelli di solito non rimborsabili, con qualsiasi data di viaggio e con qualunque destinazione.

 

DISCLAIMER

LetteraSenzaBusta intende offrire un servizio di supporto per l’utente ed il consumatore. I modelli precompilati sono meramente esemplificativi ed hanno l’unica finalità di facilitare il consumatore nell’esercizio del proprio diritto di recesso, di rimborso o di sospensione del contratto, ai sensi della normativa sulla Tutela del Consumatore e del Codice Civile.

Pertanto, LetteraSenzaBusta non conosce, non verifica, nè influenza in alcun modo il merito del contratto di cui il consumatore ed il fornitore sono uniche legittime parti contrattuali.

LetteraSenzaBusta non partecipa, nè suggerisce in alcun modo, eventuali richieste personali del consumatore compresa la decisione di procedere al recesso contrattuale che resta una specifica facoltà da esercitarsi, in ogni caso, ai sensi della normativa sulla Tutela del Consumatore, del Codice Civile e delle obbligazioni contrattuali effettivamente vincolanti tra le parti del contratto, di cui LetteraSenzaBusta è completamente parte estranea.
Seleziona Prodotto

Inserisci Mittente
DESTINATARIO
TRENITALIA S.P.A.
UFFICIO RECLAMI E RIMBORSI
PIAZZA DELLA CROCE ROSSA 1
00161 ROMA (RM)
Contenuto della lettera

Compila la tua lettera inserendo le informazioni richieste tramite il nostro editor di testo online

Spett.le Trenitalia S.p.A.

Ufficio reclami e rimborsi

Piazza della croce rossa 1

00161 Roma (RM)

 

OGGETTO: RISOLUZIONE CONTRATTO PER CAUSA DI FORZA MAGGIORE EX ART. 1463 CODICE CIVILE E CONTESTUALE RICHIESTA DI RIMBORSO IMMEDIATO 

 

Il/la sottoscritto/a

Nome   Cognome   

Codice Fiscale   Data di nascita     

Luogo di nascita     Provincia di nascita ()

Residente in  N°civico  

a     ()

Telefono    Indirizzo e-mail  

 

PREMESSO CHE 

 

che Il/la sottoscritto/a ha acquistato (barrare e compilare in base alle proprie esigenze):

 

|| Numero  biglietti per viaggio in treno con la società Trenitalia S.p.a.

 

N° biglietto  

da   

per il giorno     con partenza alle ore 

 

N° biglietto/ N° prenotazione 

da   

per il giorno     con partenza alle ore 

 

N° biglietto/ N° prenotazione 

da   

per il giorno     con partenza alle ore 

 

N° biglietto/ N° prenotazione 

da   

per il giorno     con partenza alle ore 

 

acquistati (indicare il canale di acquisto):

         |sul sito web  

         |presso l’Agenzia di Viaggi 

         |Altro 

 

Per un costo totale di Euro 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spett.le Trenitalia S.p.A.

Ufficio reclami e rimborsi

Piazza della croce rossa 1

00161 Roma (RM)

 

 

 

OGGETTO: RISOLUZIONE CONTRATTO PER CAUSA DI FORZA MAGGIORE EX ART. 1463 CODICE CIVILE E CONTESTUALE RICHIESTA DI RIMBORSO IMMEDIATO 

 

 

 

Il/la sottoscritto/a

Nome

 

Cognome

 

Codice Fiscale

 

Data di nascita

  

 

Luogo di nascita

 

Provincia di nascita

()

 

Indirizzo di residenza

 

N° civico

 

 

Comune di residenza

 

Provincia di residenza

()

 

Numero di telefono

 

e-mail

 

 

 

 

PREMESSO CHE 

 

 

 

 

 

 

che Il/la sottoscritto/a ha acquistato (barrare e compilare in base alle proprie esigenze):

 

||  Numero  biglietti per viaggio in treno con la società Trenitalia S.p.a.

 

 

1) N° biglietto

 

 

 

da 

 

 

 

 

per il giorno

  

     

 

con partenza alle ore

 

 

 

 

2) N° biglietto 

 

 

 

da 

 

 

 

 

per il giorno

  

     

 

con partenza alle ore

 

 

 

 

3) N° biglietto 

 

 

 

da 

 

 

 

 

per il giorno

  

     

 

con partenza alle ore

 

 

 

 

4) N° biglietto 

 

 

 

da 

 

 

 

 

per il giorno

  

     

 

con partenza alle ore

 

 

 

 

acquistati (indicare il canale di acquisto):

 

 

||  sul sito web  

 

 

||  presso l’Agenzia di Viaggi 

 

||  Altro 

 

 

 

Per un costo totale di Euro

 

 

 

 

|Il pacchetto viaggio acquistato dal sottoscritto/a è finalizzato alla realizzazione di un soggiorno in 

 

presso la città di  

 

 

 

 

 

PREMESSO ULTERIORMENTE CHE 

 

 

 

A partire dal mese di dicembre 2019 in Cina, ed in particolare nella città di Wuhan, sono stati registrati alcuni casi di polmonite virale con rapida diffusione tra la popolazione. A seguito di specifici controlli è stato possibile risalire al nuovo Coronavirus (nCov-2019) quale causa di tali diffusi casi di polmonite.

 

Quale primo focolaio del virus veniva individuato un mercato molto frequentato della città di Wuhan che veniva, pertanto, chiuso e sottoposto a misure di contenimento.

 

La Cina è stata inevitabilmente, quindi, colpita da una grave epidemia di Coronavirus che ha portato alla decisione di porre in isolamento diverse città. Sono stati registrati contagi anche in numerosi altri paesi quali Thailandia, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti, Taiwan, Singapore, Vietnam, Australia, Nepal, Malesia, Francia, Canada, Sri Lanka, Germania, Emirati Arabi Uniti, Cambogia, India, Russia, Regno Unito, Finlandia, Spagna, Svezia, Filippine e purtroppo il virus sta velocemente espandendosi ovunque tanto che anche in Italia si contano numerose persone contagiate.

 

- Il Ministero della Salute Italiano raccomanda di posticipare i viaggi non necessari al fine di evitare il più possibile le possibilità del contagio.

 

- Il 30 gennaio 2020, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il nuovo coronavirus una Emergenza di Sanità Pubblica di Interesse Internazionale.

Lo stesso 30 gennaio 2020 le Autorità Italiane, a seguito dell’identificazione dei primi due casi di coronavirus nella città di Roma, hanno disposto la sospensione del traffico aereo con la Repubblica Popolare Cinese, incluse le Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao. Il provvedimento comprende anche il traffico aereo con Taiwan.

Le misure di contenimento poste in essere dalla città di Wuhan seppur ipoteticamente adatte al contenimento della diffusione del virus, pericoloso soprattutto per anziani ed immunodepressi, sono state adottate in un momento molto distante dai primi contagi registrati e non sono state sufficienti per impedire la diffusione del virus in tutto il mondo. 

 

- In tema di sicurezza internazionale Assemblea Mondiale della Sanità ha adottato nel 2007 il Regolamento Sanitario Internazionale (RSI) - International Health Regulations (IHR).

Si tratta di uno strumento giuridico internazionale che ha la finalità di “garantire la massima sicurezza contro la diffusione internazionale delle malattie”. Tale obiettivo deve essere raggiunto con “la minima interferenza possibile sul commercio e sui movimenti internazionali, attraverso il rafforzamento della sorveglianza delle malattie infettive mirante ad identificare, ridurre o eliminare le loro fonti di infezione o fonti di contaminazione, il miglioramento dell’igiene aeroportuale e la prevenzione della disseminazione di vettori”.

Per la prevenzione della diffusione delle malattie è previsto un sistema denominato “early detection” finalizzato alla preventiva individuazione e comunicazione di tutti gli eventi che possano costituire una minaccia per la sanità pubblica.

Il tutto viene attuato mediante un efficace sistema nazionale di sorveglianza ed una risposta efficace attraverso un coordinamento internazionale ben regolato e accuratamente organizzato. È previsto, quale raccomandazione di prevenzione, la notifica all’Organizzazione Mondiale della Sanità di eventi e/o malattie che possono avere rilevanza internazionale grave al fine di permettere la collaborazione tra Stati ed evitare il diffondersi di virus e/o malattie nell’interesse della popolazione mondiale. 

 

- Proprio in applicazione anche di principi di cui al suddetto regolamento, il Ministero della Salute Italiano, con ORDINANZA 30 gennaio 2020 - Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 - nCoV)- disponeva il blocco del traffico aereo da e per la Cina.

 

Il consiglio dei ministri straordinario del 23 febbraio 2020 ha adottato un decreto legge con le misure di contenimento dell'epidemia nelle aree focolaio in Lombardia e Veneto, varando così una serie di misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza coronavirus in Italia; il decreto legge di contrasto alla diffusione del coronavirus prevede che nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona si adottino misure di contenimento come: il divieto di allontanamento e quello di accesso al comune o all'area interessata; la sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato; la sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole e dei viaggi di istruzione; la sospensione dell'apertura al pubblico dei musei; la sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l'erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; l'applicazione della quarantena con sorveglianza attiva a chi ha avuto contatti stretti con persone affette dal virus e la previsione dell'obbligo per chi ha fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico di comunicarlo al dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente, per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva

 

I casi confermati in Italia sono destinati a crescere purtroppo e sono in continua evoluzione e la situazione di allarmismo generale, comunque imprevista ed imprevedibile, condiziona i cittadini Italiani nell’esplicazione delle attività anche quotidiane fino a portarli a rinunciare ai viaggi/eventi già precedentemente programmati venendo meno la finalità ricreativa e svago collegata a tali attività .

 

CONSIDERATO CHE

 

Il contratto di trasporto/soggiorno/pacchetto di viaggio/evento acquistato dal sottoscritto non può essere portato ad esecuzione a causa dei rischi connessi all’epidemia di Coronavirus che ha colpito tutta la Cina e si sta inevitabilmente diffondendo in tutto il mondo.

Il viaggio/evento prenotato è divenuto, difatti, di impossibile realizzazione per cause di forza maggiore riconducibili, appunto, all’improvvisa ed imprevedibile epidemia che si sta diffondendo e non ha alcuna rilevanza, allo stato, il luogo di destinazione del viaggio/esecuzione dell’evento. 

 

La situazione pertanto risulta inquadrabile nella sopravvenuta impossibilità di ricevere la prestazione per la quale è stato già corrisposto il prezzo o parte del prezzo con conseguente risoluzione del contratto ai sensi dell’art. 1463 codice civile.

Sul punto, infatti, autorevole giurisprudenza ha rilevato che “La risoluzione del contratto per impossibilità sopravvenuta della prestazione, con la conseguente possibilità di attivare i rimedi restitutori, ai sensi dell’art. 1463 cod. civ., può essere invocata da entrambe le parti del rapporto obbligatorio sinallagmatico, e cioè sia dalla parte la cui prestazione sia divenuta impossibile sia da quella la cui prestazione sia rimasta possibile. In particolare, l’impossibilità sopravvenuta della prestazione si ha non solo nel caso in cui sia divenuta impossibile l’esecuzione della prestazione del debitore, ma anche nel caso in cui sia divenuta impossibile l’utilizzazione della prestazione della controparte” ( Cass. n. 18047/2018 – cfr. sul punto anche Cass. n. 26958/2007).

Si ritiene quindi trattasi di RECESSO INCOLPEVOLE dovuto a CAUSA DI FORZA MAGGIORE ed in caso di “viaggi all inclusive” se ne richiede il riconoscimento ai sensi dell’art 36 lettera D e dell’art 42 co.1, Codice del Turismo che importa la restituzione del prezzo pagato entro 7 gg lavorativi dal momento del recesso/cancellazione. Appare quindi evidente che stante il panico globale per il possibile diffondersi del virus cinese finanche letale, relativamente al contratto di viaggio stipulato verso paesi a rischio ma anche presso altre destinazioni, allo stato, possa applicarsi il RECESSO INCOLPEVOLE: invero, ove la finalità di piacere, che è il motivo dell’acquisto del pacchetto di viaggio, non può realizzarsi per un evento sopravvenuto non imputabile alle parti, si determinare la mancanza di un elemento essenziale del contratto ed entrambi i contraenti sono esonerati dalle rispettive obbligazioni, con conseguente diritto per il viaggiatore alla restituzione dell’intero prezzo pagato. Nel “pacchetto turistico”, ed in senso lato nei viaggi in generale, la “finalità turistica” (o “scopo di piacere”) non costituisce un irrilevante motivo, ma si sostanzia nell’interesse che lo stesso è funzionalmente volto a soddisfare, connotandone la causa concreta. Ne discende che l’irrealizzabilità di tale finalità, per sopravvenuto evento non imputabile alle parti determina, stante il venir meno dell’elemento funzionale dell’obbligazione costituito dall’interesse creditorio (art. 1174 cod. civ.), l’estinzione del contratto per sopravvenuta impossibilità di utilizzazione della prestazione, con esonero delle parti dalle rispettive obbligazioni (cfr. Cass. Civ. 24.07.2013 n. 16315). 

L’esecuzione del viaggio nel paese di destinazione esporrebbe il/la sottoscritto/a e tutti i viaggiatori, comunque, al rischio di contagio della malattia e, pertanto, non servirebbe a realizzare la finalità ricreativa e di svago del viaggio o evento stesso. Invero, in analoga 5 situazione di viaggio prenotato per una località colpita da epidemia la Cassazione ha affermato che “Pur essendo la prestazione in astratto ancora eseguibile, il venir meno della possibilità che essa realizzi lo scopo dalle parti perseguito con la stipulazione del contratto (nel caso, lo «scopo di piacere» in cui si sostanzia la «finalità turistica»), essa implica il venir meno dell'interesse creditorio, quale vicenda che attiene esclusivamente alla sfera del creditore. […] Essendo la prestazione de qua divenuta inidonea a soddisfare l'interesse creditorio, l'estinzione dello stipulato contratto in argomento per irrealizzabilità della causa concreta comporta, va infine sottolineato, l'esonero delle parti dalle rispettive obbligazioni. Il debitore non è pertanto più tenuto ad eseguirla, ed il creditore non ha l'onere di accettarla.” (Cass. 16315/2007).

 

In tal caso il/la sottoscritto/a non può usufruire dei specifici servizi acquistati per cause di forza maggiore non imputabili né al sottoscritto né alla società controparte ed ha diritto, per quanto su specificato, alla restituzione di quanto corrisposto.

 

Tutto quanto premesso e considerato, il/la sottoscritto/a,

 

 

INVITA E DIFFIDA

 

 

Codesta società in persona del Rappresentante Legale p.t., a corrispondere al sottoscritto il rimborso totale del prezzo corrisposto per il biglietto/i treno acquistato/. (L’ente competente a rimborsare le ulteriori somme corrisposte per i necessari adempimenti burocratici sopra descritti ovvero per le spese collegate all’evento/viaggio).

 

Con espressa riserva, in caso di mancato positivo riscontro alla presente, di adire la competente Autorità Giudiziaria per la tutela dei propri diritti.  Da valere quale diffida e messa in mora a tutti gli effetti di legge.

 

 

 

 

 

 

Luogo e Data,

 

 

 

 

 

 

|Il viaggio acquistato dal sottoscritto/a è finalizzato alla realizzazione di un soggiorno

in   presso la città di  

 

PREMESSO ULTERIORMENTE CHE 

 

A partire dal mese di dicembre 2019 in Cina, ed in particolare nella città di Wuhan, sono stati registrati alcuni casi di polmonite virale con rapida diffusione tra la popolazione. A seguito di specifici controlli è stato possibile risalire al nuovo Coronavirus (nCov-2019) quale causa di tali diffusi casi di polmonite.

 

Quale primo focolaio del virus veniva individuato un mercato molto frequentato della città di Wuhan che veniva, pertanto, chiuso e sottoposto a misure di contenimento.

 

La Cina è stata inevitabilmente, quindi, colpita da una grave epidemia di Coronavirus che ha portato alla decisione di porre in isolamento diverse città. Sono stati registrati contagi anche in numerosi altri paesi quali Thailandia, Giappone, Corea del Sud, Stati Uniti, Taiwan, Singapore, Vietnam, Australia, Nepal, Malesia, Francia, Canada, Sri Lanka, Germania, Emirati Arabi Uniti, Cambogia, India, Russia, Regno Unito, Finlandia, Spagna, Svezia, Filippine e purtroppo il virus sta velocemente espandendosi ovunque tanto che anche in Italia si contano numerose persone contagiate.

 

- Il Ministero della Salute Italiano raccomanda di posticipare i viaggi non necessari al fine di evitare il più possibile le possibilità del contagio.

 

- Il 30 gennaio 2020, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato il nuovo coronavirus una Emergenza di Sanità Pubblica di Interesse Internazionale.

Lo stesso 30 gennaio 2020 le Autorità Italiane, a seguito dell’identificazione dei primi due casi di coronavirus nella città di Roma, hanno disposto la sospensione del traffico aereo con la Repubblica Popolare Cinese, incluse le Regioni Amministrative Speciali di Hong Kong e Macao. Il provvedimento comprende anche il traffico aereo con Taiwan.

Le misure di contenimento poste in essere dalla città di Wuhan seppur ipoteticamente adatte al contenimento della diffusione del virus, pericoloso soprattutto per anziani ed immunodepressi, sono state adottate in un momento molto distante dai primi contagi registrati e non sono state sufficienti per impedire la diffusione del virus in tutto il mondo. 

 

- In tema di sicurezza internazionale Assemblea Mondiale della Sanità ha adottato nel 2007 il Regolamento Sanitario Internazionale (RSI) - International Health Regulations (IHR).

Si tratta di uno strumento giuridico internazionale che ha la finalità di “garantire la massima sicurezza contro la diffusione internazionale delle malattie”. Tale obiettivo deve essere raggiunto con “la minima interferenza possibile sul commercio e sui movimenti internazionali, attraverso il rafforzamento della sorveglianza delle malattie infettive mirante ad identificare, ridurre o eliminare le loro fonti di infezione o fonti di contaminazione, il miglioramento dell’igiene aeroportuale e la prevenzione della disseminazione di vettori”.

Per la prevenzione della diffusione delle malattie è previsto un sistema denominato “early detection” finalizzato alla preventiva individuazione e comunicazione di tutti gli eventi che possano costituire una minaccia per la sanità pubblica.

Il tutto viene attuato mediante un efficace sistema nazionale di sorveglianza ed una risposta efficace attraverso un coordinamento internazionale ben regolato e accuratamente organizzato. È previsto, quale raccomandazione di prevenzione, la notifica all’Organizzazione Mondiale della Sanità di eventi e/o malattie che possono avere rilevanza internazionale grave al fine di permettere la collaborazione tra Stati ed evitare il diffondersi di virus e/o malattie nell’interesse della popolazione mondiale. 

 

- Proprio in applicazione anche di principi di cui al suddetto regolamento, il Ministero della Salute Italiano, con ORDINANZA 30 gennaio 2020 - Misure profilattiche contro il nuovo Coronavirus (2019 - nCoV)- disponeva il blocco del traffico aereo da e per la Cina.

 

Il consiglio dei ministri straordinario del 23 febbraio 2020 ha adottato un decreto legge con le misure di contenimento dell'epidemia nelle aree focolaio in Lombardia e Veneto, varando così una serie di misure straordinarie per fronteggiare l'emergenza coronavirus in Italia; il decreto legge di contrasto alla diffusione del coronavirus prevede che nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona si adottino misure di contenimento come: il divieto di allontanamento e quello di accesso al comune o all'area interessata; la sospensione di manifestazioni, eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato; la sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole e dei viaggi di istruzione; la sospensione dell'apertura al pubblico dei musei; la sospensione delle procedure concorsuali e delle attività degli uffici pubblici, fatta salva l'erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità; l'applicazione della quarantena con sorveglianza attiva a chi ha avuto contatti stretti con persone affette dal virus e la previsione dell'obbligo per chi ha fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico di comunicarlo al dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente, per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva

I casi confermati in Italia sono destinati a crescere purtroppo e sono in continua evoluzione e la situazione di allarmismo generale, comunque imprevista ed imprevedibile, condiziona i cittadini Italiani nell’esplicazione delle attività anche quotidiane fino a portarli a rinunciare ai viaggi/eventi già precedentemente programmati venendo meno la finalità ricreativa e svago collegata a tali attività .

 

CONSIDERATO CHE

 

Il contratto di trasporto/soggiorno/pacchetto di viaggio/evento acquistato dal sottoscritto non può essere portato ad esecuzione a causa dei rischi connessi all’epidemia di Coronavirus che ha colpito tutta la Cina e si sta inevitabilmente diffondendo in tutto il mondo.

Il viaggio/evento prenotato è divenuto, difatti, di impossibile realizzazione per cause di forza maggiore riconducibili, appunto, all’improvvisa ed imprevedibile epidemia che si sta diffondendo e non ha alcuna rilevanza, allo stato, il luogo di destinazione del viaggio/esecuzione dell’evento. 

La situazione pertanto risulta inquadrabile nella sopravvenuta impossibilità di ricevere la prestazione per la quale è stato già corrisposto il prezzo o parte del prezzo con conseguente risoluzione del contratto ai sensi dell’art. 1463 codice civile.

Sul punto, infatti, autorevole giurisprudenza ha rilevato che “La risoluzione del contratto per impossibilità sopravvenuta della prestazione, con la conseguente possibilità di attivare i rimedi restitutori, ai sensi dell’art. 1463 cod. civ., può essere invocata da entrambe le parti del rapporto obbligatorio sinallagmatico, e cioè sia dalla parte la cui prestazione sia divenuta impossibile sia da quella la cui prestazione sia rimasta possibile. In particolare, l’impossibilità sopravvenuta della prestazione si ha non solo nel caso in cui sia divenuta impossibile l’esecuzione della prestazione del debitore, ma anche nel caso in cui sia divenuta impossibile l’utilizzazione della prestazione della controparte” ( Cass. n. 18047/2018 – cfr. sul punto anche Cass. n. 26958/2007).

Si ritiene quindi trattasi di RECESSO INCOLPEVOLE dovuto a CAUSA DI FORZA MAGGIORE ed in caso di “viaggi all inclusive” se ne richiede il riconoscimento ai sensi dell’art 36 lettera D e dell’art 42 co.1, Codice del Turismo che importa la restituzione del prezzo pagato entro 7 gg lavorativi dal momento del recesso/cancellazione. Appare quindi evidente che stante il panico globale per il possibile diffondersi del virus cinese finanche letale, relativamente al contratto di viaggio stipulato verso paesi a rischio ma anche presso altre destinazioni, allo stato, possa applicarsi il RECESSO INCOLPEVOLE: invero, ove la finalità di piacere, che è il motivo dell’acquisto del pacchetto di viaggio, non può realizzarsi per un evento sopravvenuto non imputabile alle parti, si determinare la mancanza di un elemento essenziale del contratto ed entrambi i contraenti sono esonerati dalle rispettive obbligazioni, con conseguente diritto per il viaggiatore alla restituzione dell’intero prezzo pagato. Nel “pacchetto turistico”, ed in senso lato nei viaggi in generale, la “finalità turistica” (o “scopo di piacere”) non costituisce un irrilevante motivo, ma si sostanzia nell’interesse che lo stesso è funzionalmente volto a soddisfare, connotandone la causa concreta. Ne discende che l’irrealizzabilità di tale finalità, per sopravvenuto evento non imputabile alle parti determina, stante il venir meno dell’elemento funzionale dell’obbligazione costituito dall’interesse creditorio (art. 1174 cod. civ.), l’estinzione del contratto per sopravvenuta impossibilità di utilizzazione della prestazione, con esonero delle parti dalle rispettive obbligazioni (cfr. Cass. Civ. 24.07.2013 n. 16315). 

L’esecuzione del viaggio nel paese di destinazione esporrebbe il/la sottoscritto/a e tutti i viaggiatori, comunque, al rischio di contagio della malattia e, pertanto, non servirebbe a realizzare la finalità ricreativa e di svago del viaggio o evento stesso. Invero, in analoga 5 situazione di viaggio prenotato per una località colpita da epidemia la Cassazione ha affermato che “Pur essendo la prestazione in astratto ancora eseguibile, il venir meno della possibilità che essa realizzi lo scopo dalle parti perseguito con la stipulazione del contratto (nel caso, lo «scopo di piacere» in cui si sostanzia la «finalità turistica»), essa implica il venir meno dell'interesse creditorio, quale vicenda che attiene esclusivamente alla sfera del creditore. […] Essendo la prestazione de qua divenuta inidonea a soddisfare l'interesse creditorio, l'estinzione dello stipulato contratto in argomento per irrealizzabilità della causa concreta comporta, va infine sottolineato, l'esonero delle parti dalle rispettive obbligazioni. Il debitore non è pertanto più tenuto ad eseguirla, ed il creditore non ha l'onere di accettarla.” (Cass. 16315/2007).

In tal caso il/la sottoscritto/a non può usufruire dei specifici servizi acquistati per cause di forza maggiore non imputabili né al sottoscritto né alla società controparte ed ha diritto, per quanto su specificato, alla restituzione di quanto corrisposto.

 

Tutto quanto premesso e considerato, il/la sottoscritto/a,

 

INVITA E DIFFIDA

Codesta società in persona del Rappresentante Legale p.t., a corrispondere al sottoscritto il rimborso totale del prezzo corrisposto per il biglietto/i treno acquistato/i. (L’ente competente a rimborsare le ulteriori somme corrisposte per i necessari adempimenti burocratici sopra descritti ovvero per le spese collegate all’evento/viaggio).

 

Con espressa riserva, in caso di mancato positivo riscontro alla presente, di adire la competente Autorità Giudiziaria per la tutela dei propri diritti.  Da valere quale diffida e messa in mora a tutti gli effetti di legge.

 

Luogo e Data               


SERVIZIO ANTICIPATA VIA PEC (CONSIGLIATO)

► L'invio della raccomandata in formato digitale tramite Posta Elettronica Certificata viene effettuato al momento stesso della spedizione della raccomandata cartacea, la conferma dell'invio viene notificata via email e le buste di accettazione e consegna saranno disponibili nell'area riservata entro pochi secondi.